Il terrificante e moderno Tulpa di Federico Zampaglione

Pubblicato il da Valentina Calabrese

Rinominato come il miglior horror del 2012, Tulpa - I demoni del desiderio di Federico Zampaglione, si appresta ad uscire nelle sale italiane dal 30 maggio 2013, distribuito dalla AI Entertainment. Il cantante e regista romano, mette così a segno il suo secondo horror, dopo il controverso Shadow, interpretato, tra gli altri, da Claudia Gerini, Michele Placido, Michela Cescon, Nuot Arquint, Ivan Franek, prodotto dalla IDF di Maria Grazia Cucinotta, Gianna Emidi e Silvia Natili.

Il successo è nelle sue corde, infatti Tulpa, è stato già presentato in anteprima mondiale al Frightfest di Londra, uno tra i più leggendari festival dell’horror e del fantasy esistenti. Tra l’altro, allo scorso Noir Film Festival di Courmayeur, ha ricevuto la Menzione Speciale della Giuria. I consensi giungono addirittura dagli States: Fangoria, la rivista horror americana numero-uno al mondo ha recensito così il film: "Tulpa è il film che i fan hanno desiderato ardentemente per anni", definendo il film "terrificante e moderno" e sottolineando che "Zampaglione conosce tutti i meccanismi stilistici del cinema della paura".

Ambientato a Roma, Tulpa racconta la storia di Lisa Boeri, una ricca donna manager la cui vita è totalmente incentrata sul lavoro e la carriera. Lisa è il classico esempio di donna in carriera, ma dietro il suo successo si celano cupe ombre. La donna soffre di solitudine, il successo e la dedizione non le hanno permesso di dedicarsi a una relazione affettiva e per questo diventa un'assidua frequentatrice di un sex-club, il Tulpa, luogo gestito da un misterioso guru tibetano dove i soci possono incontrarsi e dare sfogo ai propri istinti e alle proprie fantasie erotiche. Qui, Lisa avrà degli incontri occasionali con diversi partner sessuali maschili e femminili, che in seguito saranno trovati brutalmente assassinati. Lisa non crede alle coincidenze, ma non può rivolgersi alla polizia, ciò potrebbe portare alla luce la sua doppia vita, e di conseguenza distruggere la sua carriera. Ma Lisa è consapevole che potrebbe essere proprio lei la prossima vittima designata, così decide di indagare per scoprire da sola il mistero legato a questi efferati omicidi.

Commenta il post