CLAUDIA CARDINALE UNA VISIONE OLTRE L'ILLUSIONE

Pubblicato il da Valentina Calabrese

Oggi è il compleanno di Claudia Cardinale un'attrice che con la sua pura bellezza ha incantato registi e spettatori di tutto il mondo.

Nata a la Goulette (Tunisia) il 15 aprile 1938 da genitori di origine siciliana, la Cardinale muove i primi passi nel mondo del cinema proprio in Tunisia, partecipando a un piccolo film a basso costo e vincendo un concorso di bellezza per "la più bella italiana di Tunisi" che le permette di andare alla Mostra del cinema di Venezia.

Nel 1958 si trasferisce con la famiglia in Italia e, senza una particolare passione nè ambizione, si iscrive al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma. L'ambiente non la soddisfa, così abbandona i corsi e decide di fare l'insegnante.

La sua fortuna arriva però quando, dopo una foto pubblicato in un settimanale, il produttore Franco Cristaldi, le propone un contratto con la Vides, sua casa di produzione. Cristaldi che diventerà suo marito di lì a poco, le procura piccoli ruoli all'interno di film importanti come I soliti ignoti di Mario Monicelli, Un maledetto imbroglio di Pietro Germi.

All'inizio degli anni Sessanta, ottiene i suoi maggiori successi con Rocco e i suoi fratelli e Il Gattopardo di Luchino Visconti, La ragazza con la valigia di Valerio Zurlini e altri ancora.
Nel 1963 prende parte anche a uno dei film più riconosciuti anche a livello internazionale, il felliniano Otto e mezzo che le permette di avanzare verso Hollywood recitando in La pantera rosa di Blake Edwards, ne Il circo e la sua grande avventura, coprotagonista di John Wayne e ne I professionisti di Richard Brooks.

Poi nel 1968, viene ingaggiata dal grande Sergio Leone, per C'era una volta il West, in cui interpreta il ruolo della protagonista femminile ottenendo un successo planetario. Nello stesso anno recita in Il giorno della civetta di Damiano Damiani dove interpreta una popolana siciliana, regalandoci una delle sue interpretazioni migliori.

Dopo gli anni settanta fino agli anni ottanta, anche a causa della separazione con Cristaldi e di una nuova maternità, Claudia Cardinale si allontana dagli schermi per poi tornare in Pelle di Liliana Cavani, Fitzcarraldo di Herzog, Enrico IV di Bellocchio.

Negli anni '90 affianca poi Roberto Benigni ne Il figlio della pantera rosa di Blake Edwards e nel 1999 interpreta se stessa in Luchino Visconti di Carlo Lizzani.

Tutto il successo di Claudia Cardinale è stato premiato con l'affetto che il suo pubblico le ha sempre dimostrato; a Berlino poi, nel febbraio del 2002 l'Orso d'oro alla carriera. Ha ricevuto la Legion d'onore di Francia, l'onorificenza più alta conferita dalla repubblica francese.

CLAUDIA CARDINALE UNA VISIONE OLTRE L'ILLUSIONE
CLAUDIA CARDINALE UNA VISIONE OLTRE L'ILLUSIONE
CLAUDIA CARDINALE UNA VISIONE OLTRE L'ILLUSIONE
CLAUDIA CARDINALE UNA VISIONE OLTRE L'ILLUSIONE
CLAUDIA CARDINALE UNA VISIONE OLTRE L'ILLUSIONE
CLAUDIA CARDINALE UNA VISIONE OLTRE L'ILLUSIONE
CLAUDIA CARDINALE UNA VISIONE OLTRE L'ILLUSIONE
CLAUDIA CARDINALE UNA VISIONE OLTRE L'ILLUSIONE

Commenta il post