CANNES 2013: I PREMI DI UN CERTAIN REGARD E TANTI ALTRI...

Pubblicato il da Valentina Calabrese

La 66° edizione del Festival di Cannes è ormai agli sgoccioli.

Stasera ci sarà la tanto agognata cerimonia finale con l’assegnazione della Palma d’oro al miglior film in concorso, ieri invece si è chiusa Un Certain Regard, la sezione del Festival più stimolante e multicolore.

Inaugurata da The Bling Ring di Sofia Coppola, 17 sono stati i film provenienti da 15 paesi diversi, molte produzioni indipendenti e coraggiose, tra cui quella della star James Franco, che ha presentato il discusso As I Lay Dying.

Alla fine a spuntarla su tutti è stato il cambogiano Rithy Panh con L’image manquante (The Missing Picture).

Il premio della giuria, presieduta dal regista danese Thomas Vinterberg, è andato a Omar del palestinese Hany Abu-Assad, mentre per la regia, una scelta molta coraggiosa con L’inconnu du lac (Stranger by the Lake) di Alain Guiraudie, il queer movie parecchio esplicito che ha fatto tanto parlare durante i primi giorni del festival. Non a caso ha vinto la Queer Palm: “sono molto soddisfatto, lo avevo invocato e speravo anche in un premio dell’UCR”.

Riconoscimenti anche per La jaula de oro di Diego Quemada-Diez, cui va A Certain Talent Prize per il cast corale, e Fruitvale Station di Ryan Coogler a cui va l’Avenir Prize, il premio del futuro.

Tra i 17 film della sezione, c’è spazio anche per Miele, opera prima della nostra Valeria Golino, che si è aggiudicata una Menzione speciale della Giuria Ecumenica, ex-aequo con Like Father, Like Son del giapponese Kore-Eda Hirokazu (Concorso).

Il premio della Giuria Ecumenica è andato invece a Le Passé dell'iraniano Asgar Farhadi, con la splendida Bérénice Bejo.

TUTTI I PREMI:

Premio Un Certain Regard: The Missing Picture - Rithy Panh

Premio della Giuria: Omar - Hany Abu-assad

Premio per la regia: Alain Guiraudie per L’Inconnu du Lac

Premio A Certain Talent: al cast di La Jaula de Oro - Diego Quemada-Diez

Premio Avenir: Fruitvale Station - Ryan Coogler

Premi Fipresci, (segnalazioni della critica internazionale):

Concorso: La vie d’Adèle - Abdellatif Kechiche

Un Certain Regard: Manuscripts Don’t Burn - Mohammad Rasoulof

Sezioni collaterali: Blue Ruin - Jeremy Saulnier [Quinzaine]

CANNES 2013: I PREMI DI UN CERTAIN REGARD E TANTI ALTRI...

Commenta il post