Gli amanti Passeggeri di Pedro Almodovar

Pubblicato il da Valentina Calabrese

L’irriverente regista spagnolo Pedro Almódovar, torna sugli schermi con una commedia trasgressiva che sembra rappresentarlo appieno, Gli Amanti passeggeri, da giovedì 21 marzo al cinema. Il film si svolge quasi tutto in un aereo diretto a Città Del Messico. L’aereo è in avaria, non ha un carrello e quindi deve girare in tondo in attesa che dalla Torre di Controllo gli indichino un aeroporto in cui è possibile fare un atterraggio di fortuna. Nell’attesa, gli eccentrici passeggeri sono intrattenuti dall’alquanto strambo equipaggio formato da tre stewart gay e due piloti bisessuali, e con il piccolo aiuto di un cocktail anni ‘80 formato dal mix di Aqua de Valencia e mescalina, nessuno alla fine, penserà più al reale problema e, inevitabilmente, il sesso diventerà la loro maggior forma di distrazione.

Tanti i temi cari al creativo Almódovar, il quale fa del sesso, della droga e della morte, i pretesti narrativi per raccontare qualcosa di più profondamente legato alla società odierna. Le storie e gli intrecci che avvengono all’interno dello spazio claustrofobico di un aereo che vola sopra al vuoto, girando in tondo senza trovare un approdo salvifico, raccontano l’impasse in cui la Spagna e più in generale, l’Europa vive oggigiorno. L’uomo stesso è sempre più disorientato da questa situazione e l’unico modo in cui può reagire è distrarsi.

Dopo una breve parentesi noir, che ha destato attenzione e non poche critiche,La pelle che abito, oggi Almódovar spiazza proprio tutti con questa commedia divertente, a tratti volgare fino all’eccesso, che con evidenza ricorda tanto la sua filmografia degli anni’80, comunicando così il bisogno stesso del regista di tornare a far ridere i suoi spettatori, offrendo un’alternativa alla paura. Inevitabilmente, quando ci si vuole spingere oltre, si rischia di cadere nel banale o nell’eccesso ma Almódovar non è un pivellino e riesce a calibrare il tutto con momenti di comicità assoluta, in primis la scena della coreografia queer del trio degli stewart sulle note di I’m so Excited delle Pointer Sisters. Un vero spasso. Bravi gli attori, in particolare i due habitué dei film di Almódovar,Javier Càmara e Cecilia Roth.

Dopo tante risate, è inevitabile dire che l’istrionico Almódovar con Gli amanti passeggeri ci riporta a una leggerezza ormai dimenticata che con un filo di incoscienza ci consiglia di condividere noi stessi con gli altri, sorridendo e sbeffeggiando i timori che ogni giorno incombono su di noi.

Gli amanti Passeggeri di Pedro Almodovar

Commenta il post